Seleziona una pagina

The Fork è uno tra i servizi più in voga e utilizzati dai ristoratori di oggi, e consente ai clienti di prenotare online un tavolo nel ristorante quando più lo si desidera.

Permette di indicare e promuovere le tue novità gastronomiche e far sì che il popolo del web sia sempre al passo con le tue nuove proposte.

Non sempre però i ristoratori sono soddisfatti di questo servizio.

È così utile e vantaggioso come sembra?

È vero che grazie al servizio offerto da The Fork un potenziale cliente può trovarti facilmente se si trova nella tua zona ma è altrettanto vero che spesso il tuo locale viene scelto in base alle recensioni degli utenti suggerite dall’app.
 
 

Mi lasci 5 stelle?

 
Il problema di fondo risiede nel fatto che è letteralmente impossibile ricevere valutazioni sempre positive. È risaputo che un’esperienza negativa rimane più facilmente impressa e lascia un segno indelebile nella memoria.
È più facile essere impressionati da un cameriere che ci ha trattato male, da un piatto particolarmente insipido o da un parcheggio impossibile da trovare.

Quello delle recensioni è un meccanismo fallato già in partenza: è più probabile che chi lascia una recensione lo faccia in un momento di indignazione piuttosto che di piacevole sorpresa. 

Spesso e volentieri, purtroppo, le recensioni provengono proprio dal tuo primo competitor, dal ristorante davanti al tuo, con scopi meno nobili di una pubblicità positiva.
Altre volte, invece, sono scritte da un cliente che è venuto per la prima volta nel tuo locale il sabato durante una serata particolarmente movimentata e gli è capitato di essere vittima di un servizio più lento del solito. (Se vuoi sapere di più sull’incubo delle recensioni e su come queste possono falsare un’esperienza al ristorante, leggi QUI)

Se fossimo tutti in grado di esprimere un giudizio corretto su un ristorante, saremmo un popolo di critici enogastronomici; è quindi inevitabile che le recensioni siano ingiuste, non si può giudicare il duro lavoro del ristoratore con una manciata di stelline.

I due elementi presi maggiormente di mira dai clienti insoddisfatti sono il servizio e la velocità dello stesso, motivo per cui sono e saranno sempre aspetti da non sottovalutare, mai.

Con Ruleat potrai velocizzare in un attimo il servizio, renderlo perfetto per le tue esigenze, ottimizzare il lavoro, ed inevitabilmente aumentare i tuoi ricavi. Tutto questo, con un’app.
CLICCA QUI adesso e scopri l’offerta dedicata a te!


 
 

Fidelizzazione, sì, ma a che prezzo?

 
The Fork, inoltre, offre un servizio di fidelizzazione, che ti permette di inserire promozioni e sconti speciali dedicati ai tuoi clienti, invitandoli a tornare più spesso nel tuo locale. Questo però pone il ristoratore di fronte a due problematiche fondamentali.

  • Quando un cliente va a mangiare in un ristorante solamente perché ha aderito ad un codice sconto.
    Nel caso il ristoratore scegliesse di non aderire a questa promozione, verrebbe scartato dalle papabili scelte del suddetto cliente, che deciderà sempre e comunque di mangiare da un’altra parte, convinto di risparmiare sul prezzo, e senza considerare la qualità del posto in cui andrà.
  • Nel caso il ristoratore scegliesse di aderire ad una promozione, sarebbe costretto a proporre un menù fisso, con una gamma limitata di piatti, senza poter offrire al cliente pietanze fuori dal menù prestabilito. Questo farebbe conoscere il ristorante non per quello che è, ma per le scelte di degustazione che ha deciso di fare.

E’ possibile che nel mondo della ristorazione digitale esista solo questa via per mantenere i contatti con i clienti e fidelizzarli al meglio?

Tranquilli, non è così!

Con Ruleat potrai tenere i tuoi clienti sempre informati, con proposte nuove e senza alcun tipo di limitazione.
Cosa aspetti?
CLICCA QUI ora, e inizia subito a usare Ruleat!

 
 
 
Ti è piaciuto l’articolo?
Faccelo sapere con un commento qui sotto o scrivendo alla nostra pagina Facebook.

.

advertisement