Seleziona una pagina

E’ probabilmente tra i mestieri più comuni al mondo. E’ il lavoro che ognuno di noi ha fatto o pensato di fare almeno una volta nella vita. E’ il cameriere.
Utilizzato spesso come “lavoretto” di ripiego, il cameriere è un mestiere oramai sottovalutato e spesso anche mal praticato. Qual è il risultato? Servizio scadente, insoddisfazione, ed una conseguente perdita di clientela e guadagni.

Nell’immaginario collettivo, fare il cameriere si sofferma su semplici passaggi quali prendere le ordinazioni, portare i piatti e sparecchiare. Essere un cameriere va ben oltre questi inutili preconcetti. Chiunque abbia avuto anche solo un assaggio di questa esperienza, sa bene cosa significhi.

Abbiamo raccolto 15 pratici consigli su come fare il cameriere e praticare al meglio questa nobile ma svalutata professione:

1. Accoglienza.

Il cliente va coccolato fin dal suo ingresso nel ristorante.
Una guida che lo porti ad esplorare tutto quello che lo circonda, fino ad arrivare al tavolo. E’ fondamentale far sentire immediatamente a proprio agio chi si serve.

2. Cura del proprio aspetto.

Spesso la prima impressione è quella definitiva, quindi l’unica che conta. Bisogna mantenere una postura e un atteggiamento eleganti, oltre che evitare sempre di ritrovarsi con divisa sporca o sgualcita.

Ruleat_come fare il cameriere

3. Fare attenzione alla clientela fissa.

Il ristoratore avrà sempre un posto nel cuore dedicato ai suoi clienti più affezionati, che si aspettano di essere trattati come tali. E’ molto utile memorizzare gusti, allergie o preferenze di questi ultimi.

4. Dare tempo al tempo.

Essere veloci ad eseguire le richieste è giusto, ma è ancora più importante lasciare i clienti liberi di godersi la propria serata. L’ordinazione al tavolo, ad esempio, va presa solamente dopo che l’ospite ha avuto tempo di consultare il menù, senza mettere fretta.

Sai che esiste un sistema che ti consente di prendere le ordinazioni alla velocità della luce, senza farti sprecare tempo che potresti impiegare in altro? Consiglia Ruleat al tuo ristorante!
Clicca QUI per avere subito una prova gratuita.

5. Non dare l’impressione di non avere nulla da fare.

Mai fare viaggi a vuoto dalla cucina alla sala e viceversa, nuoce gravemente alla propria immagine, trasmessa sia ai superiori che a chi si serve.

6. Apertura mentale.

Ogni ospite è diverso dall’altro per gusti ed esigenze. Questo non significa che debbano essere trattati diversamente, ma che bisogna imparare a farli sentire tutti quanti allo stesso modo.

7. Empatia col cliente.

Il cameriere è anche un “comunicatore”, instaurare un rapporto empatico con il cliente permette di affascinarlo maggiormente, farlo sentire il più a suo agio possibile e quindi vendere, oltre al prodotto, un’esperienza positiva.

Ruleat_cameriere

8. Esercitare la memoria.

E’ importante avere una memoria pronta e reattiva. Memorizzare la disposizione dei tavoli, le offerte del giorno e i piatti più “in voga” del menù darà un’impressione più seria e professionale, oltre a facilitare il lavoro.

Vuoi annullare ogni possibile errore nel servizio? Ruleat ti offre un’incredibile serie di servizi tecnologici in una sola App.
Clicca QUI per richiedere subito una prova gratuita!

9. Presenza costante.

Mantenere una presenza assidua permette al cameriere di essere sempre disponibile a rispondere ad una chiamata. Bisogna vigilare sui tavoli continuamente, tenendo sotto controllo la situazione e le possibili richieste.

10. Ripeti l’ordine.

Ripetere a voce l’ordinazione del cliente, una volta terminata, permette di correggere eventuali errori e di concedere l’opportunità di far cambiare idea.
ATTENZIONE: solo una volta. Ripetere di continuo l’ordinazione può risultare fastidioso.

11. Prendi l’ordine senza confusione.

Gli ordini vanno presi in senso orario, partendo dalla propria sinistra. Iniziando dai bambini, poi dalle signore, fino ad arrivare agli uomini.

12. Servi con metodo.

Si servono prima le signore. Il piatto si porge dalla destra del cliente e lo si ritira dalla sua sinistra, mantenendolo basso e mai ad altezza viso.
La bottiglia di vino va aperta a tavola, prima di versarlo va fatto assaggiare, per poi procedere con la solita regola: prima le signore, partendo da destra.

13. Gli attrezzi del mestiere.

Porta sempre con te gli accessori che potranno sempre essere utili. Un accendino, un taccuino e una penna, un apribottiglie.

Oppure, solo il tuo telefono con l’App di Ruleat.
Il ristorante dove lavori ancora non l’ha installato? Clicca QUI per richiedere subito una prova GRATUITA!

come fare il cameriere

14. Fai attenzione agli odori.

Odori troppo pungenti possono risultare sgradevoli all’ospite, al quale si andrebbe a rovinare il pasto, e conseguentemente l’esperienza nel ristorante.

15. Sorridi.

Semplicemente sorridi.
Lasciati alle spalle ogni problema, che sia personale o che non lo sia. Un cliente deve sentirsi accolto e a proprio agio. Un cliente deve essere in grado di dimenticare la giornata che ha passato o i problemi che incombono. Un sorriso smagliante sarà uno dei migliori punti di partenza. Sorridi.

 

Stupisci il ristoratore, mostragli quanto sei in grado di fare bene il tuo lavoro, fagli scoprire le meraviglie di Ruleat!
Clicca QUI per richiedere immediatamente una prova gratuita nel tuo locale!

 

L’articolo ti è stato utile?
Potrebbe piacerti anche “8 motivi per cui il tuo cameriere non ti sta sorridendo”, dagli un’occhiata, clicca QUI!

Hai altri consigli utili su come fare il cameriere?
Commenta qui sotto per farci sapere cosa ne pensi.

Visita il sito: www.ruleat.com

.

advertisement